16/01/2021

Cronaca

Attenzione a chi posta sui social commenti offensivi – Rischia multa salata o carcere fino a tre anni

CONDIVIDI

Una condanna per diffamazione aggravata dall’uso del mezzo di pubblicità, è ciò che rischia chi lancia in rete post offensivi.

Si tratta di un reato previsto dall’articolo 595, comma 3, del Codice penale che punisce (con la reclusione da sei mesi a tre anni o con la multa minima di 516 euro) chi offenda l’altrui reputazione comunicando con un mezzo di pubblicità La pena può andare da una multa minima di 516 euro fino alla reclusione da sei mesi a tre anni.

Spiega il Sole 24 Ore:

“Scatta la diffamazione aggravata, ad esempio, per chi con un post visibile a tutti i suoi contatti offenda l’ex accusandolo di non contribuire al mantenimento dei figli (Tribunale di Torino, 299/2020). Stessa sorte per la moglie separata che in bacheca, considerata luogo aperto al pubblico poiché fruibile dagli iscritti al social, insulti il marito qualificandolo come «un miserabile» bisognoso di cure psichiatriche (Corte d’appello di Cagliari, 257/2020) o per chi, nella spasmodica ricerca di «giustizia nel placet di un esercito virtuale di utenti», denigri una professoressa sul piano familiare, privato e lavorativo (Tribunale di Ascoli Piceno, 90/2020)”.

Nelle pagine di diritto e web del quotidiano Il Sole 24 Ore si precisano altre tipi di condanne:

“Condannato chi – riferendosi alla vicenda di un operaio di uno stabilimento siderurgico tragicamente morto sul lavoro – pubblichi sul suo profilo pesanti offese a un sindacalista definendolo «viscido e senza spina dorsale» (Tribunale di Taranto, 123/2020). Diffamatorio, inoltre, il commento che marchi un giornalista come uno «pseudo giornalaio (…) pagato per blaterare» per infangarne la reputazione e offuscarne il patrimonio intellettuale, politico, religioso, sociale e ideologico (Tribunale di Campobasso, 43/2020).

Infine, conclude il quotidiano di economia e finanza:
“Il reato si configura se le espressioni adoperate sono tali da gettare una luce oggettivamente negativa sulla vittima. Sfuggirà a responsabilità penale, pertanto, chi – interagendo sulla piattaforma di Youtube – auguri a un dottore che aveva rilasciato un’intervista critica sull’omosessualità che le figlie siano lesbiche e sposino dei gay, eventualità che nella realtà non riveste un connotato spregevole (Cassazione, 17944/2020)”.

08/02/2023 

Cronaca

Torino – Ruba in appartamento, abitante lancia l’allarme. Arrestato

Torino. Ruba in appartamento, abitante lancia l’allarme. Arrestato Un cittadino georgiano di 37 anni è stato […]

leggi tutto...

08/02/2023 

Territorio

Pedemontana Piemontese – Arriva finalmente il sì al progetto definitivo: l’annuncio

Pedemontana Piemontese – Arriva finalmente il sì al progetto definitivo: l’annuncio Questa mattina a Palazzo Chigi […]

leggi tutto...

08/02/2023 

Territorio

La Piemontese Marta Bassino vince la medaglia d’Oro in Super G – E’ stata una gara straordinaria

La piemontese Marta Bassino vince la medaglia d’Oro in Super G – E’ stata una gara […]

leggi tutto...

08/02/2023 

Territorio

Torino – Arrivano 2 nuovi T-Red negli incroci pericolosi. Più multe per chi non rispetta i divieti. Ecco dove sono

Torino – Arrivano 2 nuovi T-Red negli incroci pericolosi. Più multe per chi non rispetta i […]

leggi tutto...

08/02/2023 

Territorio

A Torino la gande performance di JR, artista di fama internazionale – In 1200 partecipano all’opera collettiva

A Torino la gande performance di JR, artista di fama internazionale – In 1200 partecipano all’opera […]

leggi tutto...

08/02/2023 

Cronaca

Torino – Colpito da lancio di bici a Murazzi: fermati 5 giovani dai carabinieri

Torino – Colpito da lancio di bici a Murazzi: fermati 5 giovani dai carabinieri Sono stati […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy