24/01/2023

Territorio

Economia – Nel 2023 l’Eurozona eviterà la recessione – Lo spiegano gli esperti di Consensus Economics

CONDIVIDI

Economia – Nel 2023 l’Eurozona eviterà la recessione – Lo spiegano gli esperti di Consensus Economics

Quest’anno l’eurozona eviterà la temuta recessione. Lo spiegano nell’ultimo studio gli esperti di Consensus Economics, il pool di economisti, che prevede per il 2023 una serie di condizioni macroeconomiche in miglioramento e  una contrazione dell’attività commerciale inferiore al previsto.

Si tratta di “un’inversione di tendenza dovuta a una serie di buone notizie, a partire dal versante energetico – spiega Ispi, Istituto per gli Studi di Politica Internazionale – ” Grazie a un inverno particolarmente mite, a metà gennaio il livello degli stoccaggi europei era ai massimi di sempre (quasi 80 Gmc, a fronte di una media di 62 nel periodo 2015-2020). Escluso il rischio di razionamento, il prezzo del gas negli hub europei ha iniziato a scendere (-30% nell’ultimo mese). E questo fa ben sperare anche sul fronte inflazione”.

Recessione evitata per poco. 

“Il ritmo di inasprimento della politica monetaria europea, finora incalzante (tassi aumentati di 2,5 punti percentuali in 7 mesi, il ritmo più veloce di sempre), sembra stare già dando i suoi frutti senza impattare troppo sull’economia reale – spiega ancora Ispi-
A confermare il miglioramento è anche un altro pool esperti, quello dei direttori degli acquisti. A dicembre l’indice PMI per l’eurozona è infatti salito a 49,3. Un valore minore di 50, che indicherebbe una ripresa economica, ma il più alto da cinque mesi a questa parte. Si rallenta, ma non troppo. Così, l’inconsueto mix di politiche monetarie restrittive e generosi sussidi governativi sembrerebbe aver permesso all’Europa di superare “l’inverno economico”. Con la riapertura della Cina, poi, ci si attende anche la ripresa della domanda globale. Uno stimolo decisamente positivo per il commercio europeo, soprattutto tedesco.
Se Pechino riparte, lo stesso accade però anche con la sua domanda di gas, che sottrae volumi all’UE. Ma in questo momento i livelli in Europa di stoccaggio di gas sono così elevati da far comunque sperare che si possano evitare razionamenti anche nell’inverno 2024.
Insomma, lo scenario apocalittico predetto da Gazprom a ottobre non si sta avverando, proprio mentre in Russia le sanzioni cominciano a mordere. Putin ha fatto male i conti?”

Nell’ultimo studio Ispi si parla anche di come La Germania stia temporeggia sull’invio di carri armati all’Ucraina. Il contenuto sull’’ISPI Daily Focus, all’indirizzo: https://www.ispionline.it/it/pubblicazione/ucraina-leopard-si-o-no-37318

20/02/2024 

Territorio

Torino – La Regione stanzia 500mila euro per i corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati

Torino – La Regione stanzia 500mila euro per i corsi di guida sicura rivolti ai neopatentati […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Sport

Sinner supera Panatta – Ecco tutti i record nel mondo del Campione azzurro

Sinner supera Panatta – Ecco tutti i record nel mondo del Campione azzurro Jannik Sinner ha […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

Torino – La stazione di Porta Nuova è in vendita: ecco quanto costa (e chi potrebbe comprarla)

Torino – La stazione di Porta Nuova è in vendita: ecco quanto costa La storica Stazione […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

A Torino sottoscritto il nuovo Patto per la sicurezza urbana: “Più militari in strada per combattere la delinquenza”

Torino – Sottoscritto il patto per la sicurezza “Più militari in strada per combattere la delinquenza” […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

A Torino è arrivato Johnny Depp – Sta girando le scene del nuovo film: ecco dove

A Torino è arrivato Johnny Depp – Sta girando le scene del nuovo film: ecco dove […]

leggi tutto...

20/02/2024 

Territorio

Elkann, ora i Pm indagano sul Lichtenstein: 10 milioni da un imprenditore russo

Elkann, ora i Pm indagano sul Lichtenstein: 10 milioni da un imprenditore russo Le indagini sulla […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy