12/01/2021

Economia

Il top manager Garuzzo “Iveco ai cinesi. Ma senza industria dove andremo a finire?”

CONDIVIDI

Iveco potrebbe diventare cinese. E sarebbe una grave perdita per l’Italia e per il Piemonte, uno scenario visto con estremo pessimismo dal top manager Giorgio Garuzzo, cuneese di 82 anni, CEO di Iveco negli anni ’80.

“Vivremo di turismo e di eventi? Quando sento queste idee, rabbrividisco – ha dichiarato Garuzzo al Corriere della Sera, commentando il caso Iveco – “ In Piemonte abbiamo perso l’industria dei pc e dei software, poi il ferroviario, la chimica, il biomedicale, l’elettronica. Adesso non possiamo perdere anche l’auto, i camion e i veicoli commerciali. Se va via l’Iveco non ci rimane più niente. Altro che lusso. Oggi si sente parlare solo di vendite. Da Magneti Marelli all’Iveco. E nessuno dice niente. Ma davvero pensiamo di dare occupazione ai giovani con il turismo?”.

L’ingegner Garuzzo non nasconde la sua grande amarezza

“Iveco è l’ultima roccaforte industriale del territorio – commenta sulle pagine del Corriere della Sera – ” Capisco le ragioni di mercato che portano alla ricerca di partnership, come quella di Fca con Psa, ma la vendita di un campione nazionale a una società estera è un dramma per il sistema paese e il Piemonte. Negli anni ottanta – aggiunge –  quando ho preso la guida di Iveco, l’azienda perdeva un miliardo al giorno. Sette anni dopo, con una politica di aggregazioni e di crescita interna, ci siamo trovati a gestire un gruppo leader in Europa, che guadagnava 90 miliardi l’anno. Fare impresa è questione di volontà. Resteranno alcuni stabilimenti di Iveco. Ma il know how e la progettazione andranno via. Non illudiamoci. Ed è già successo altre volte. Questa non farà eccezione”.

E sul Recovery Fund:

“In questi giorni non si parla d’altro – commenta il top manager al Corriere – “Io ci vedo solo un debito monstre che rimarrà sulle spalle dei giovani, senza veri progetti di sviluppo. Lo stato francese sarà azionista di Stellantis. Se ci sarà da chiudere qualche stabilimento e uffici di progettazione non sarà Oltralpe. Torino punta all’innovazione ma senza industria non c’è tecnologia… Cerchiamo di non diventare periferia dell’industria».

25/01/2021 

Cronaca

Torino – Ancora occupazioni abusive di alloggi Atc, l’ira della Regione: “Tolleranza zero verso chi delinque”

«Inaccettabile, occorre intervenire immediatamente». Quando negli uffici di via Bertola sono arrivate le segnalazioni degli abitanti […]

leggi tutto...

25/01/2021 

Cronaca

Covid in Piemonte – Oltre 600 nuovi casi e 9 decessi: gli ultimi dati dall’Unità di crisi

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte comunica 619 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 […]

leggi tutto...

24/01/2021 

Cronaca

Torino – Si allenavano per una gara ‘finta’, violando le norme Covid: chiusa palestra, tutti multati

Intervento dei carabinieri a Torino. I militari hanno chiuso una palestra per violazione delle norme anti […]

leggi tutto...

23/01/2021 

Territorio

Torino – Pacchi alimentari a decine di famiglie in difficoltà – Importante iniziativa di solidarietà

Oltre 60 famiglie italiane  hanno ricevuto nella giornata di ieri, 23 Gennaio, il pacco alimentare dai volontari […]

leggi tutto...

24/01/2021 

Cronaca

Con Stellantis arriva il rilancio di Lancia – Si pensa ad un marchio Premium

La nascita di Stellantis, attraverso la fusione tra FCA e PSA, potrebbe portare ad un importante […]

leggi tutto...

24/01/2021 

Cronaca

Torino – Irruzione armata in ufficio postale di corso Francia: sequestrati gli impiegati

Attimi di grande tensione la scorsa mattina e intervento decisivo della Squadra Mobile della Questura di […]

leggi tutto...

Attimi di grande tensione la scorsa mattina

made with by dsweb.lab | Privacy Policy