La Mole resterà sempre illuminata, grazie all’opera dell’artista Mario Merz

13/07/2018

CONDIVIDI

"L’opera si illuminerà tutte le sere e diventerà un tutt’uno col monumento simbolo della città”.

Si intitola il ‘volo dei numeri, l’opera dell’artista Mario Merz ispirata alla serie di Fibonacci, già collocata sulla cupola della Mole Antonelliana nel 2000.
D’ora in avanti l’opera resterà costantemente accesa fino all’una di notte d’estate e fino a mezzanotte d’inverno.

I numeri “in volo”

L’installazione di Mario Merz rappresenta la serie di Leonardo Pisano, detto Fibonacci, matematico medievale toscano che sintetizzava la progressione che determina la crescita e la proliferazione delle forme in natura.
Secondo questa successione, che da oggi si potrà nuovamente leggere e ammirare osservando la Mole, ogni numero è la somma dei due precedenti.

Così spiegano dal Comune:
Merz ha più volte utilizzato la serie di Fibonacci come elemento delle sue installazioni ed è stato fra i primi artisti ad assumere la luce fluorescente come metafora dell’energia. Qui, però, la successione numerica assume nuovi significati sia come forte segnale luminoso disposto sulla Mole, sia in rapporto alla curva -altro schema di frequente utilizzazione matematica – della cupola della costruzione di Antonelli. L’opera, illuminandosi tutte le sere, diventerà un tutt’uno col monumento simbolo della città”.

Leggi anche

18/09/2020

Torino – Folle moldavo aggredisce i poliziotti a colpi di arti marziali. Arrestato

E’ domenica sera e un cittadino italiano 46enne ha una piccola discussione sotto casa, nel quartiere […]

leggi tutto...

18/09/2020

Piemonte – Scontro sulla pillola abortiva, Ordine dei medici contro Cirio: “Rispetti le linee del Ministero”

Il presidente dell’Ordine dei Medici di Torino, Guido Giustetto si è rivolto al presidente della Regione […]

leggi tutto...

18/09/2020

Piemonte – Fingevano di accogliere migranti, poi si incassavano i rimborsi: truffa da 300mila euro

Sono stati scoperti dal Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza. Tre cooperative hanno […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy