13/06/2019

Cronaca

La sanità italiana cade a pezzi – “In 10 anni 28 miliardi in meno”, l’alllarme della Fondazione Gimbe

CONDIVIDI

Il report della Fondazione Gimbe presenta dati impietosi per l’Italia, paese in cui si spende troppo poco e al contrario si spreca molto.

E così ai giorni nostri molte delle cure essenziali non sono più garantite.

Secondo la Fondazione Gimbe, in Italia i livelli sanitari di assistenza (Lea) sono garantiti  soltanto sulla carta. Mentre le famiglie devono spendere sempre di piu’ per colpa di sprechi e inefficienze di un sistema che sta letteralmente “cadendo a pezzi”.

Il rapporto è stato presentato in questi giorni al Senato e le responsabilità vano soprattutto alla politica.
“Nel periodo 2010-2019 sono stati tagliati 37 miliardi di euro a fronte di un incremento del fabbisogno sanitario nazionale”, ha spiegatoi Nino Cartabellotta, presidente di Gimbe, secondo cui “Il Def 2019 riduce il rapporto spesa sanitaria/Pil dal 6,6% nel 2019-2020 al 6,5% nel 2021 e 6,4% nel 2022 e l’aumento di 8,5 miliardi in tre anni previsto dalla legge di bilancio 2019 è subordinato alle ardite previsioni di crescita”.

“L’Italia – secondo la Fondazione Gimbe – “siede nel G7 tra le potenze economiche del mondo, ma la politica ha fatto precipitare il finanziamento pubblico per la sanità ai livelli dei paesi dell’Europa orientale. E così, mentre il mondo professionale e i pazienti aspirano alle grandi (e costose) conquiste della scienza e l’industria investe in questa direzione, l’entità del definanziamento pubblico allontana sempre di più l’accessibilità per tutti alle straordinarie innovazioni farmacologiche e tecnologiche oggi disponibili”.

L’accusa del presidente ai politici è di aver subordinato le politiche sanitarie al consenso elettorale. “I governi hanno puntato sui sussidi individuali – bonus 80 euro, reddito di cittadinanza, quota 100 – indebolendo di fatto le tutele pubbliche in sanità ed aumentando la spesa delle famiglie”.

L’Italia spende poco e spreca molto: circa 21 miliardi. Inadeguato il coordinamento di assistenza, le inefficienze amministrative, il sovrautilizzo di servizi e prestazioni sanitarie inefficaci o inappropriate, e le frodi e gli abusi. A questo si aggiunge  una normativa “frammentata e incompleta” e i contrasti tra governo e Regioni.
Un quadro preoccupante:
“Bisogna mettere in sicurezza le risorse ed evitare le periodiche revisioni al ribasso”, conclude il presidente. “Dobbiamo definire sia una soglia minima del rapporto spesa sanitaria/Pil, sia un incremento percentuale annuo del fabbisogno sanitario nazionale pari almeno al doppio dell’inflazione”.

23/06/2024 

Sport

Magico Sinner, trionfa anche sull’erba – Il Campione ha vinto il torneo di Halle

Magico Sinner, trionfa anche sull’erba – Il Campione azzurro ha vinto il torneo di Halle Jannik […]

leggi tutto...

23/06/2024 

Territorio

Torino – Lettera aperta al nuovo assessore Porcedda: “Ecco i problemi più gravi in Circoscrizione 7: necessario intervenire”

Torino – Lettera aperta al nuovo assessore Porcedda: “Ecco i problemi più gravi in Circoscrizione 7: […]

leggi tutto...

23/06/2024 

Territorio

A Torino arriva Alberto Angela: “Il Museo Egizio è fra le realtà più importanti d’Europa. Grazie al Direttore”

Torino – Alberto Angela in città: “Museo Egizio fra le realtà più importanti d’Europa” Il noto […]

leggi tutto...

23/06/2024 

Territorio

Lavoro, ecco i laureati più richiesti dalle aziende (e che non riescono a trovare). Lo studio

Lavoro, le imprese a caccia dei quasi 800mila laureati – Ecco i più richiesti Le aziende […]

leggi tutto...

22/06/2024 

Cronaca

Torino – Ladri sfondano saracinesca con un’auto, assalto a Mirafiori: residenti allarmati

Torino – Sfondano saracinesca con un’auto, assalto a Mirafiori: residenti allarmati La scorsa notte, la sala […]

leggi tutto...

22/06/2024 

Territorio

Torino – Scene da film all’aeroporto Caselle: la fidanzata lo chiama durante il decollo “Torna da me”. Lui ferma il volo (che arriva con un’ora di ritardo)

Torino – Scene da film all’aeroporto Caselle: la fidanzata lo chiama durante il decollo “Torna da […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy