Si impicca profugo dell’ex Moi – Era depresso

06/04/2019

CONDIVIDI

Anche Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, è intervenuto sul triste episodio

Si è impiccato Gaye Demba, 28 anni originario del Gambia, profugo che ha vissuto all’interno degli scantinati dell’ex Moi, l’ex villaggio olimpico di Torino.

L’uomo si è tolto la vita in una casa diocesana dove era stato accolto negli ultimi mesi.

Gaye Demba era rimasto nelle palazzine dell’ex Moi fino al primo sgombero. Da tempo soffriva di depressione, come ha spiegato il direttore della Pastorale Migranti Sergio Durando che ha raccontato all’Ansa gli ultimi mesi difficili del ragazzo:

“Seguivamo da vicino questo ragazzo che aveva più volte dato segni di forte depressione – ha spiegato Durando – “Aveva già manifestato nel tempo volontà autodistruttive, e purtroppo era stato sottoposto a marzo ad un tso all’Ospedale Mauriziano, ma poi era uscito”.

Anche Cesare Nosiglia, arcivescovo di Torino, è intervenuto sul triste episodio:

“Il suicidio di Gaye obbliga a riflettere sulle ferite interiori che hanno segnato profondamente lui e molti altri immigrati. Era seguito da un’equipe di persone, quest’impegno non è stato sufficiente”.

Leggi anche

07/07/2020

Lega la madre al letto e la lascia morire – Condannato all’ergastolo

Un delitto atroce che ha sconvolto l’Alessandrino: ha legato la madre ad ad una brandina e l’ha […]

leggi tutto...

07/07/2020

Torino – Ancora segnalazioni di autobus pieni “Ma quale distanziamento? E’ uno schifo”

Nuove segnalazioni a Torino per ciò che riguarda il sovraffollamento sugli autobus. Il problema è più […]

leggi tutto...

07/07/2020

Torino lancia ufficialmente la sua candidatura per le Universiadi “Nel 2007 fu un successo, replichiamolo!”

Nel palazzo sede della Regione in piazza Castello, Comune di Torino, Regione Piemonte, Politecnico, Università di […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy