09/12/2019

Cronaca

Sorpresa a Torino: i piu’ indisciplinati in strada? Non sono gli automobilisti, ma i pedoni

CONDIVIDI

Dati sorprendenti quelli diffusi dai ricercatori del Rapporto Rota che hanno condotto il report “Verso una mobilità sostenibile”.

Secondo lo studio ad essere maggiormente indisciplinati per le strade di Torino non sono gli automobilisti e nemmeno i ciclisti. Bensì i pedoni, che battono tutti.
Nel 47%  dei casi si macchiano della ‘colpa’ di “invasione metropolitana”, quando passeggiano placidamente sulle piste ciclabili, come fossero marciapiedi.
Sono una minoranza (per quanto piuttosto pericolosa) invece i ciclisti sui marciapiedi: il 17%.  Un dato piu’ alto,  36%, riguarda le automobili che sconfinano su ciclabili o marciapiedi.

Ma il confronto tra le denunce e i riscontri reali dimostra che molti pedoni camminano spesso del tutto inconsapevoli su marciapiedi destinati anche alle due ruote, quasi sempre per carenza di segnalazioni. Spaventandosi di fronte ad una bici che sfreccia in modo inatteso.

Il report «Verso una mobilità sostenibile? » del Rapporto Giorgio Rota è on-line da oggi, alla pagina ( www. rapporto- rota. it).
La ricerca è stata effettuata con sopralluoghi lungo una ventina di itinerari: piu’ di 300 chilometri monitorati e 24 ore in totale di osservazione sul campo, considerando diversi giorni e fasce orarie.
Sono stati riscontrati in città 496 casi di ” invasione” di corsie, ossia una ogni tre minuti, uno ogni 600 metri di strada.

Così ha spiegato il sociologo urbano del Poltecnico Luva Davico, coordinatore del gruppo di ricerca del Rota, alla Repubblica: “Dalle nostre analisi emerge che dove i reciproci spazi sono ben progettati e chiaramente distinti, i casi di ” invasione” sono pochissimi. Ciò rende sostanzialmente sterili gli appelli a una maggiore ” civiltà” dei cittadini, pur utile, quando sarebbe piuttosto il caso di insistere per una maggiore professionalità nel progettare gli spazi pubblici e la superficie di Torino».
Da anni l’Amministrazione civica,e già decisamente prima dall’era Appendino, ha compiuto scelte sullo spazio urbano in maniera spesso casuale spesso o raffazzonata, non certo nel migliore dei modi possibili,

Sono in aumento, infine,  a Torino, secondo lo studio, sia le aree pedonali (+ 70% tra 2000 e 2017, quasi solo in centro) sia i chilometri di piste ciclabili (erano 32 nel 1990, 60 del 2000, 150 del 2010, fino agli attuali 191). ma il risultato è ancora lontano dall’obiettivo di 290 chilometri fissato quindici anni fa dal Piano per la mobilità ciclabile del Comune.

23/05/2024 

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha sacrificato la vita contro la mafia”

32 anni fa la strage di Capaci. Il ministro Piantedosi a Palermo: “Onore a chi ha […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

Torinese baciato dalla fortuna: vince Un milione di euro giocando schedina da 2: ecco dove

Torinese baciato dalla fortuna: vince Un milione di euro giocando schedina da 2 Vincita clamorosa sul […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Sport

Gasperini, attacco a Juve e Inter dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..”

Gasperini, attacco a Inter e Juventus dopo la vittoria: “Altro che conti in disordine o Superlega..” […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Cronaca

Torino – Creano il caos in stazione e sul bus: un padre risponde con spranga di ferro: 10 arresti

Torino – Creano il caos in stazione e sul bus: un padre risponde con spranga di […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

Torino – Lavori urgenti in corso Regina Margherita: limite a 30 Km/h. Info utili

Torino – Lavori urgenti in corso Regina Margherita: limite a 30 Km/h. Info  Corso Regina Margherita. […]

leggi tutto...

23/05/2024 

Territorio

La stampa 3D sta trasformando la produzione di Jet privati – Una rivoluzione nell’industria aeronautica

La stampa 3D sta trasformando la produzione di Jet privati – Rivoluzione nell’industria aeronautica L’industria aeronautica […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy