Case popolari, è scontro sull’Iva – Sindacati contro Atc Nord e Sud, che applicano l’imposta

24/05/2018

CONDIVIDI

A Torino non si paga l’Iva sui canoni, nel resto del Piemonte sì

Case popolari, a Torino non si paga l’Iva sui canoni, nel resto del Piemonte sì.

Anche per questo motivo questa imposta continua a creare una forte contrapposizione tra i sindacai degli inquilini e due delle tre Agenzie territoriali della casa (Atc). Se n’è avuta conferma in seconda Commissione in Regione, dove si sono svolte le audizioni dei soggetti interessati.

La normativa statale, a partire dal 2013, concede alle stesse Atc la facoltà di applicare l’aliquota Iva del 10% sui canoni, che successivamente l’Agenzia delle entrate rimborsa agli enti territoriali e che viene riutilizzata per coprire i costi di manutenzione degli stabili.

Secondo i sindacati Sunia-Cigl, Sicet-Cisl e Uniat-Uil l’applicazione dell’Iva (d’ufficio per i contratti sottoscritti precedentemente) sarebbe da considerarsi illegittima perché non conforme a quanto previsto dalla legge regionale sui criteri del calcolo dei canoni di locazione che così aumentano.

In Piemonte ad applicare l’aliquota sono le Atc Piemonte Nord (Vercelli, Novara e Vco) e Piemonte Sud (Alessandria, Asti e Cuneo). Non viene invece prevista dall’Atc Piemonte Centrale (Torino).

Proprio le decisioni delle Atc hanno determinato gravi disparità di trattamento tra inquilini assegnatari, abitanti nella stessa regione e sottoposti ad un unica legge. Se da un lato si auspica il contrasto alle disuguaglianze, dall’altro si creano condizioni di vera e propria discriminazione. Inoltre l’intera vicenda dell’Iva potrebbe creare diversi contenziosi”  hanno ribadito i rappresentanti sindacali Sergio Contini (Sunia), Domenico Paoli (Uniat) e Giovanni Baratta (Sicet).

Il fronte dell’Atc e diviso in due.

Elvi Rossi, vicepresidente dell’Agenzia Piemonte Centrale, ha ribadito la decisione di non applicazione dell’imposta anche in virtù di difficoltà tecniche dovute alla presenza di condominii, per i quali non è prevista l’Iva.

Giuseppe Genoni (Atc Nord) e Gino Garzino (Piemonte Sud) – spiegando l’esistenza di tempistiche diverse di applicazione tra le varie realtà, soprattutto alla luce degli accorpamenti delle Agenzie – hanno difeso le scelte motivandole con la necessità di far fronte alle sempre più impellenti necessità di manutenzione e di agibilità degli immobili.

Su richiesta di diversi consiglieri e consigliere, si è poi parlato di contabilizzazione dei consumi di acqua e riscaldamento, delle sistemazioni provvisorie nei casi di emergenze e dei piani di rientro.

In Piemonte la morosità, colpevole e non, si attesta annualmente intorno al trenta per cento, ma quella reale, al netto proprio dei piani di rientro, è del dieci.

Leggi anche

03/07/2020

Bellezze del Piemonte – Ecco la Panchina Gigante nel Monferrato da cui ammirare i campi di lavanda

Continua il particolare progetto delle ‘Big Bench’, le panchine giganti che stanno diventando vere e proprie  […]

leggi tutto...

03/07/2020

Follia nel centro di Torino – Fa un apprezzamento alla sua ragazza, lui gli stacca l’orecchio a morsi, arrestato

Violento litigio nel centro di Torino intorno alle 2 di notte.  In via San Francesco Da […]

leggi tutto...

03/07/2020

Anche Piero Chiambretti al Mauriziano nella giornata che ricorda le vittime del Covid

C’era anche Piero Chiambretti ieri pomeriggio, all’ospedale Mauriziano di Torino, per il rito laico con il […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy