22/06/2022

Territorio

Protesi d’anca – Arrivano interventi personalizzati “al millimetro” grazie al navigatore computerizzato. Ecco la nuova tecnologia

CONDIVIDI

Protesi d’anca – Arrivano interventi personalizzati “al millimetro” grazie al navigatore computerizzato. Un intervento ad alta tecnologia realizzato all’ Humanitas Mater Domini di Castellanza.

L’intervento viene realizzato grazie ad un sistema di navigazione computerizzato che con un algoritmo di calcolo fornisce al chirurgo ortopedico i dati sulle dimensioni e sull’orientamento che le componenti protesiche dovranno rispettare, personalizzato al massimo sull’anatomia del paziente.

 L’operazione non inserisce sul bacino e sulla gamba del metallico tracker metallici come i sistemi di navigazione tradizionali.

“L’intervento di protesi d’anca è l’esempio perfetto di come l’esperienza dello specialista sia importante per la qualità e la buona riuscita di un’operazione. È proprio l’expertise, infatti, la sola a guidare l’intervento e a garantire il corretto posizionamento delle componenti protesiche. Oggi, la precisione del chirurgo ortopedico viene potenziata dalla tecnologia, traducendosi in diversi vantaggi per il paziente: dalla riduzione del rischio – già raro – di lussazione post-operatoria (dal 3% all’1%) ad una maggior stabilità muscolare, fino all’aumento della durata dell’impianto. Non solo. Anche una migliore confidenza con l’articolazione protesizzata e un più preciso controllo delle lunghezze degli arti”, ha spiegato in una nota il dott. Fabio Zerbinati, responsabile Ortopedia e Traumatologia di Humanitas Mater Domini.

“Da non sottovalutare un ulteriore vantaggio di questa tecnologia: la non invasività del sistema di navigazione computerizzato. Per poter mappare i punti anatomici e analizzare il posizionamento dell’impianto, infatti, il medico non necessita di strumentazione da ancorare alla gamba e al bacino del paziente, evitando così di esporlo a ulteriori traumi” – ha aggiunto il dottore.

“Durante l’intervento, il paziente viene sottoposto a ulteriori radioscopie che vengono integrate nel software permettendo a noi specialisti di evidenziare le variazioni di inserimento dell’impianto protesico nell’ordine di 3 gradi e della lunghezza dell’arto nell’ordine di 3 mm. A guidare l’intervento, rimane sempre l’esperienza del chirurgo: chi sta operando, infatti, può valutare se accettare o meno le indicazioni del sistema”, conclude il dott. Zerbinati.

 

28/06/2022 

Territorio

Autostrade – Aumento pedaggi in arrivo: ecco da quando (e di quanto)

Tornano a crescere le tariffe del pedaggio autostradale. Dopo una pausa di quattro anni, tornano a […]

leggi tutto...

28/06/2022 

Economia

Russia in default sul debito estero: è la prima volta in 100 anni

Per la prima volta dal 1918 la Russia ha registrato il default sul debito estero. E’ […]

leggi tutto...

28/06/2022 

Cronaca

Torino, violenta rapina – Commerciante assalito e quasi strozzato da egiziani: inseguiti e arrestati

Torino – Commerciante rapinato e quasi strozzato in centro da egiziani: inseguiti e arrestati Violenta rapina […]

leggi tutto...

27/06/2022 

Torino – Allerta Gialla per temporali e grandine su tutto il territorio. La situazione

Torino – Allerta Gialla per temporali su tutto il territorio. La situazione Arpa Piemonte comunica che […]

leggi tutto...

27/06/2022 

Territorio

Torino – Nasce il primo Museo della chimica in Europa. E al bar si servono… reazioni chimiche

Nasce il primo Museo della chimica in Europa. E al bar si servono… reazioni chimiche Inaugura […]

leggi tutto...

27/06/2022 

Cronaca

Follia nel Torinese – Prende a martellate la moglie davanti ai figli piccoli, poi tenta di uccidersi

Follia nel Torinese – Prende a martellate la moglie davanti ai figli, poi teta di uccidersi […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy