92enne uccise geometra con un colpo di fucile – Chiesti 30 anni di carcere

03/07/2019

CONDIVIDI

Omicidio volontario con l'aggravante dei futili motivi

L’omicidio volontario, con l’aggravante dei futili motivi, fu commesso il 9 novembre dello scorso anno a Portacomaro d’Asti, giorno in cui il 92 enne astigiano Dario Cellino uccise Marco Massano, geometra di 44 anni, con un colpo di fucile.

L’anziano voleva evitare che il geometra svolgesse la perizia sul valore dell’immobile, sul quale pendeva un decreto esecutivo.

30 anni di carcere per Cellino: è questa la richiesta del pm, Giorgio Nicola, al termine dell’udienza di oggi svolta a porte chiuse e con rito abbreviato.

“La richiesta di 30 anni di carcere per un uomo di 92 è eccessiva” – ha dichiarato, ripreso dall’Ansa l’avvocato difensore Sabrina Zeglio.

Secondo Alberto Bazzano, avvocato di parte civile della famiglia della vittima:
“Cellino ha ucciso in maniera determinata, cosciente, con un’arma da fuoco ‘micidiale’. Non ci sono dubbi si sia trattato di un gesto volontario, c’era volontà diretta a uccidere”.

Leggi anche

12/07/2020

Piemonte – Cirio dà il via libera alla lettura dei giornali nei bar e al gioco delle carte nei circoli

Il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio ha firmato l’ultima ordinanza che reintroduce, a partire dalla […]

leggi tutto...

12/07/2020

Piemonte, tre focolai di coronavirus – La regione sotto osservazione per Indice contagio (Rt) superiore a 1

Il Piemonte resta sotto osservazione come una delle cinque regioni d’Italia in cui l’indice che misura […]

leggi tutto...

11/07/2020

Ore infernali nelle strade del Piemonte: raffica di incidenti, 4 motociclisti in gravi condizioni

Sono state infernali le ultime ore lungo le strade del Piemonte. Quattro motociclisti sono rimasti gravemente […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy