Cambia ancora l’autocertificazione – Chi vìola la quarantena rischia il carcere, ecco il modulo

17/03/2020

CONDIVIDI

Nel nuovo modulo aggiornato compare da oggi un'ulteriore voce

Cambia ancora il modulo di autocertificazione predisposto dal Ministero dell’Interno per questi gironi di emergenza.

Le misure in qualche modo si inaspriscono: chi vìola la quarantena va incontro ad un reato penale: denuncia per “procurata epidemia colposa” e reato che va dai 3 ai 12 anni di carcere.

E’ online da oggi, martedì 17 Marzo, il modello che contiene una nuova voce. Va sempre portato dietro quando si esce di casa per i motivi dichiarati di necessità.

Ma anche le forze di polizia possono consegnare ai cittadini controllati  le copie da compilare e controfirmare.

Nel nuovo modulo, aggiornato, compare da oggi un’ulteriore voce: la persona deve infatti autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall’articolo 1, comma 1, del decreto dell’8 marzo scorso, che ha dichiarato l’Italia intera come zona arancione e che riguarda coloro che si trovano in quarantena per ordine dell’autorità sanitaria, poiché positivi al coronavirus, oppure perché considerati  soggetti particolarmente a rischio.
Nel caso in cui la persona in strada non stia rispettando la quarantena, scatterà la denuncia per il reato di “procurata epidemia colposa”.

 

Qui il nuovo modello da scaricare    https://www.interno.gov.it/sites/default/files/allegati/modulo-autodichiarazione-17.3.2020.pdf

Leggi anche

29/03/2020

Il Piemonte vince la ‘battaglia del pennarello’ – Via libera alla vendita di penne e quaderni

Il Piemonte ha vinto quella che è stata ribattezzata la ‘battaglia del pennarello’. Sarà di nuovo […]

leggi tutto...

29/03/2020

Coronavirus – Spuntano studi legali che spingono a far causa ai medici: “Un’enorme delusione”

Il diffondersi di queste importune (a dir poco) pratiche è stato reso noto dal presidente della […]

leggi tutto...
Motociclista morto

29/03/2020

Donna muore sbattendo la testa, ma salva un’altra vita – Il trapianto dei suoi organi salva una persona

Una donna di 67 anni di Chivasso era stata ricoverata in gravi condizioni per una caduta […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy