11/10/2021

Cronaca

Il Piemonte stanzia 2milioni di euro per aiutare a pagare l’affitto. Tutte le Info

CONDIVIDI

Sono stati stanziati dalla giunta 2 milioni e 400mila euro per aiutare chi, anche a causa della grave crisi economica causata dalla pandemia da Covid19, necessita di trovare un alloggio in affitto e di coloro – compresi i genitori separati o divorziati – che, nonostante abbiano usufruito della possibilità, concessa dallo Stato, di sospendere la rata del mutuo per 16 mesi, sono ancora in difficoltà economica.

Dalla regione arrivano quasi 2 milioni e 400mila euro per aiutare chi, (locatari, mutuatari e genitori separati) anche a causa della grave crisi economica causata dalla pandemia da Covid19, non è stato in grado, pur volendolo, di onorare i canoni di locazione o le rate del mutuo della propria abitazione. Lo ha stabilito questa mattina la giunta regionale, su proposta dell’assessore regionale al Welfare con delega alla Casa.

La regione ha così deciso di destinare queste nuove risorse, rifinanziando le Agenzie Sociale per la Locazione (ASLo) dei 48 Comuni piemontesi che hanno deciso di attivarle. La lista è consultabile nell’allegato 1.

Con questa nuova iniezione di danaro la Regione amplia così i soggetti che potranno beneficiare degli aiuti ai genitori legalmente separati o divorziarti che non abbiano disponibilità della casa coniugale, per effetto della separazione stessa.

Il provvedimento è destinato a chi cerca un affitto a canone calmierato e ai mutuatari la cui rata è stata interrotta per il limite massimo di 16 mesi (quelli che erano garantiti dallo Stato) che non sono coperti da contratti assicurativi che, nonostante la “tregua” non hanno ancora risolto le situazioni che incidono negativamente sulla loro situazione economica. La modalità di gestione della misura è a sportello. I mutuatari o i locatari in difficoltà presentano quindi domanda di contributo agli sportelli «ASLo» del Comune di residenza o allo sportello «ASLo» del Comune capofila d’ambito territoriale per coloro che risiedono in comuni privi di sportello.

Insieme alla domanda di erogazione del contributo, il richiedente dovrà presentare la documentazione che comprova la situazione di interruzione del pagamento delle rate di locazione o del mutuo concessa dall’istituto di credito con le modalità e il persistere delle situazioni che hanno inciso negativamente sulla condizione del nucleo anagrafico.

Il Comune valuterà quindi l’ammissibilità delle domande pervenute in base ai seguenti parametri: cittadinanza italiana o di un paese dell’unione europea o per coloro non appartenenti all’unione europea, possesso di un regolare permesso di soggiorno; Isee non superiore a 26mila euro; residenza anagrafica o attività lavorativa da almeno un anno nel Comune sede di ASLo o nei comuni appartenenti al medesimo ambito territoriale, previo accordo tra i Comuni; cessazione del rapporto di lavoro subordinato, ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di risoluzione per limiti di età con diritto a pensione di vecchiaia o di anzianità, di licenziamento per giusta causa o giustificato motivo soggettivo, di dimissioni del lavoratore non per giusta causa; cessazione dei rapporti di lavoro ad eccezione delle ipotesi di risoluzione consensuale, di recesso datoriale per giusta causa, di recesso del lavoratore non per giusta causa e morte o riconoscimento di handicap grave, ovvero di invalidità civile non inferiore all’80 per cento.

L’immobile oggetto del contributo non può superare i 95 metri quadrati e non può essere classificato. Il valore iniziale del mutuo per l’acquisto della prima casa non può superare i 100mila euro. .Il contributo a fondo perduto per i mutuatari sarà di 12 rate mensili per coloro con Isee inferiore a 6.400 euro; 9 rate mensili quelli con Isee da 6.400 fino a 10.600 euro e 6 rate mensili per chi ha Isee da 10.600,01 fino a 26mila euro.

L’assessore regionale al Welfare con delega alla Casa spiega che con questa misura la Regione ha voluto offrire una fondamentale boccata d’ossigeno a tutti coloro che, anche a causa della crisi innescata dall’emergenza Covid19, non è ancora in grado di pagare la rata del mutuo o dell’affitto, compresi i genitori separati o divorziati. L’assessore, così come la giunta regionale, considera la casa un diritto inalienabile ritenendo che sia compito della Regione fare tutto il possibile per sostenere i cittadini più fragili, che non sono ancora in grado di far fronte in autonomia i costi per la propria abitazione.

20/10/2021 

Cronaca

Piemonte – Maxi intossicazione, stanno male in 35: sospetti su un ristorante sushi

Maxi intossicazione con numerose segnalazioni all’Asl. Coloro che sono stati male hanno accusato febbre alta, vomito, dissenteria. […]

leggi tutto...

20/10/2021 

Territorio

Torino – I Reali di Svezia visitano Mirafiori. Ecco il motivo

Particolare visita nella giornata di oggi, mercoledì 20 Ottobre, allo stabilimento di Mirafiori. Il presidente di Stellantis, […]

leggi tutto...

20/10/2021 

Territorio

Torino – Arriva il Bagna cauda day: “Sarà la nostra quarta dose”, la festa della salsa patrimonio Unesco

Torna il Bagna Cauda Day e ancora una volta renderà omaggio alla salsa patrimonio Unesco. La […]

leggi tutto...

20/10/2021 

Cronaca

Torino – Green Pass e caos Gtt: 200 autisti sospesi, numerose corse saltate. Servizio in tilt

Iniziano a vedersi gli effetti delle proteste contro il Green Pass. Da questa mattina il servizio […]

leggi tutto...

20/10/2021 

Appuntamenti

Xmas Comics torna a Torino – Torna la grande festa fra fumetti, cosplay e molto altro: tutte le Info

Dopo un anno di assenza forzata causa pandemia, fumetti, giochi, videogames, cosplay e youtuber tornano protagonisti […]

leggi tutto...

20/10/2021 

Cronaca

Torino – Gruppo paramilitare armato neo-nazi preparava “azioni eclatanti”: 2 torinesi indagati

Si chiama Ordine di Hagal ed è il gruppo neonazista pronto ad azioni violente scoperto dalle […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy