14/01/2022

Cronaca

L’allarme dei chirurghi “Molte attività sono ferme per il Covid, terrificanti le liste d’attesa”

CONDIVIDI

Covid: “Molte attività sono ferme, terrificanti le liste d’attesa”. E’ l’allarme lanciato dai chirurghi che in una situazione d’emergenza chiedono l’aumento del personale:

“Solo con più personale e risorse in un anno possiamo recuperare il 70% degli interventi, l’altro 30% da smaltire nel 2023”. Così Marco Scatizzi, presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (Acoi), che ha fatto il punto della situazione con l’Andkronos. La preoccupazione è molta, per l’aggravarsi della situazione epidemiologica legata alla pandemia Covid

“L’attività chirurgica programmata negli ospedali pubblici italiani – ha spiegato Scatizzi ad Andkronos – “è di fatto ferma, limitata agli interventi d’urgenza o a salvaguardare quelli oncologici non rimandabili. Ma in queste condizioni si sommano ritardi a ritardi, e la situazione delle liste d’attesa è terrificante. Se una operazione programmata alla colecisti, che di norma si supera con una operazione in laparoscopia e una notte di degenza, viene rimandata per un anno o oltre – prosegue – il paziente si ritroverà con una pancreatite. Una condizione che può diventare invalidante. Quindi abbiamo oggi malattie benigne che si trasformano in patologie letali”.

 “Il finanziamento ad oggi non ha coperto la stabilizzazione degli infermieri e dei medici che sono stati assunti per l’emergenza – ha aggiunto ad Andkronos il presidente Acoi – Se avessimo dato una programmazione certa a queste risorse umane, forse oggi non saremmo in queste condizioni”.

Come ridurre i tempi ‘mostruosi’ delle liste d’attesa?

“Se il ministro della Salute, Roberto Speranza, e le Regioni investono oggi in quello che chiediamo, ovvero più operatori (infermieri, anestesisti, chirurghi) e nelle strutture, in un anno possiamo recuperare il 70% degli interventi rimandati – conclude Scatizzi – Mancherebbe un 30% che si può smaltire nel 2023 se riprendiamo a regime e non ci sono ulteriori problemi”.

17/01/2022 

Territorio

Eurovision Song Contest a Torino -Il Comune cerca forniture per uffici, catering, vigilanza e molto altro: tutte le Info

Mercoledì 19 alle 12 scade il termine per presentare al Comune di Torino le offerte relative […]

leggi tutto...

18/01/2022 

Cronaca

A Torino mancano centinaia di poliziotti – Allarma la carenza di organico: “Impossibile garantire la sicurezza senza assunzioni”

“Senza nuove assunzioni commissariati come Borgo Po e San Secondo rischiano il ridimensionamento”. E’ il sindacato […]

leggi tutto...

18/01/2022 

Cronaca

Piemonte – Quasi 10mila nuovi contagi, salgono lievemente i ricoveri. La situazione

L’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 9.564 nuovi casi di persone risultate positive al […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Territorio

Apre nel centro di Torino il super fast food salutare del rapper Sfera Ebbasta

Apre a Torino (dopo i punti di Roma e Milano) il salutare fast food Healthy Color […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Territorio

Torino – Smog fuori controllo, ancora blocchi al traffico di livello ‘arancio’. Info utili

Misure anti smog, confermato il livello arancio. Prosegue lo stop per i diesel Euro5 Il Comune […]

leggi tutto...

17/01/2022 

Cronaca

Torino – Gira in strada di notte con una cassaforte. Agente (fuori servizio) lo vede e lo fa arrestare

Sono da poco passate le 2 quando un poliziotto libero dal servizio nota un uomo armeggiare […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy