Le truffe del Trading on line – Decine di casi a Torino e in Piemonte, ecco come difendersi

22/12/2019

CONDIVIDI

Stiamo assistendo ad un'ascesa preoccupante del fenomeno delle truffe legate al trading online;

Negli ultimi mesi, stiamo assistendo ad un’ascesa preoccupante del fenomeno delle truffe legate al trading online; con la prospettiva di guadagni allettanti derivanti da investimenti “sicuri”, sono in tanti a cadere nella rete di spregiudicati truffatori, finti intermediari finanziari che adescano le vittime persuase dalla loro presunta “esperienza professionale” sul campo, investendo centinaia di migliaia di euro.

Nel 2019 sono oltre 50 i truffati sul solo territorio Piemontese, per un danno patito di almeno 3 milioni di euro, che va ad incidere tanto sui risparmi delle famiglie quanto sulle attività d’impresa gestite dalle vittime: l’impatto negativo è dunque multiplo e compromette sia la dimensione individuale che, in via derivata, il tessuto produttivo.

Si è assistito, in particolare nell’ultimo anno, ad un incremento esponenziale del numero di portali che espongono programmi speculativi redditizi con costi di ingresso in apparenza irrisori e rendimenti enormi riscontrabili anche nel medio e breve termine. Molto frequenti sono le chiamate telefoniche di truffatori che, impersonando le vesti di broker d’assalto, riescono a persuadere la vittima prescelta della convenienza dell’operazione.

Altra modalità di contatto è quella sollecitata dalla vittima attraverso banner pubblicitari confezionati con grafiche ed annunci altamente suggestivi: si tratta di finte storie di successo riportate da gente comune, noti imprenditori o volti dello showbiz che, attraverso il trading sulla piattaforma sponsorizzata, avrebbero rivoluzionato il proprio business e la propria vita. La realtà si è dimostrata ben diversa, in quanto i loro profitti non erano altro che numeri fittizi riportati su contatori virtuali.

L’illusione parte da una fase di auto-apprendimento svolta attraverso tutorial facilmente reperibili su chat- forum dedicate ai neofiti della finanza; in tali contesti, sono frequenti le incursioni di presunti formatori che guidano gli ospiti verso le piattaforme più remunerative. La promessa di ricchezza accumulata con il minimo impegno e soprattutto il prestigio di essere parte integrante dei sistemi di alta finanza induce a sottostimare l’area di rischio in cui ci si introduce.

Questa forma di frode si estende in genere nel lungo periodo e trascorrono mesi se non anni prima che la vittima realizzi di aver perso tutto il proprio denaro. Alle richieste di capitalizzazione dell’investimento i finti broker rispondono in modo evasivo, richiedendo il versamento di ulteriori somme per adempiere agli oneri fiscali connessi allo sblocco: i profitti, in realtà, non esistono e la valuta versata è già transitata verso conti correnti attestati su banche estere che beneficiano di legislazioni più favorevoli rispetto agli standard europei. Per non parlare, poi, di un secondo livello di truffa, ossia quella del cosiddetto “piano di rientro delle perdite” offerto a soggetti già vittima di trading nocivo. È importante sottolineare che le perdite da trading fraud sono aggravate dalla semplicità e velocità con cui possono essere realizzate le operazioni. Piccoli device quali smartphone o tablet consentono sì il controllo costante dell’andamento delle proprie azioni ma al contempo suggeriscono un’interazione touch frenetica: grazie all’overloading cognitivo il cliente viene quindi gettato sugli acquisti sbagliati.

Si è riscontrato che le tecniche impiegate dai cyber-criminali includono l’impiego di software di controllo remoto che installati sul p.c della vittima consentono al truffatore di movimentare le somme di denaro in modo del tutto autonomo; le operazioni sono impostate in taluni casi in modalità automatica consentendo di intervenire con periodicità regolare sul conto della persona offesa associato in modo incauto alla piattaforma.

La consapevolezza del fenomeno è il primo passo che i consumatori devono compiere, eseguendo verifiche preliminari accurate sull’ente cui stanno affidando il proprio denaro.

In primis deve trattarsi di soggetti autorizzati e regolarmente iscritti presso i registri della CONSOB: tali elenchi sono consultabili online e vengono sottoposti ad una continua revisione. La Commissione ha già provveduto di iniziativa ad oscurare diversi siti irregolari mediante notifica di provvedimento amministrativo agli internet service provider operanti sul territorio Italiano.

Il controllo ulteriore viene svolto sull’accountability della società ricercando recensioni su riviste specializzate nonché verificando se la sede legale sia collocata in paradisi fiscali. Altro indice di affidabilità è la presenza di prospetti informativi dettagliati sulle perdite massime possibili.

Diffidate anche di esche accattivanti date dai cosiddetti “periodi di prova” e “bonus di ingresso” che integrano spesso una forma subdola di pubblicità in grado di oscurare i dettagli dell’offerta reale.

Metodi di pagamento rapidi e tempi di restituzione lenti sono infine gli ulteriori parametri di conferma della frode.

Dinnanzi ad una frode consumata le tutele percorribili sono, in via parallela, la denuncia alla polizia giudiziaria per i reati di truffa ed esercizio abusivo di attività finanziaria nonché l’esposto alla CONSOB. Sarà importante riportare all’autorità il maggior numero possibile di dettagli attinenti i singoli bonifici, le utenze telefoniche da cui si è stati contattati, i domini esatti dei siti web contattati

Leggi anche

02/07/2020

Cade dal balcone mentre sistema le zanzariere: madre muore davanti ai figli piccoli

Le è stato fatale un volo di 10 metri. Una donna, 29 anni, madre di 4 […]

leggi tutto...

02/07/2020

Persona travolta e uccisa dal treno Torino-Milano, all’ingresso della stazione – Linea bloccata

Tragico incidente questa mattina, giovedì 2 luglio, sulla linea Torino-Milano. Una persona è stata travolta e […]

leggi tutto...

02/07/2020

Ubriaco, sale sul Torino-Cuneo con un coltello – A bordo maltratta anche il suo cane scaraventandolo a terra, denunciato

L’attività settimanale del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Piemonte e la Valle d’Aosta ha portato a […]

leggi tutto...
made with by dsweb.lab | Privacy Policy