08/04/2021

Cronaca

Rossi e Valle (Pd): “Piemonte penultimo in Italia per prime dosi somministrate. Oltre agli annunci vogliamo i vaccini”

CONDIVIDI

Con 933.881 dosi somministrate su 1.240.040 ricevute, il Piemonte si attesta al 75,3% delle dosi somministrate, all’undicesimo posto in Italia (fonte: governo.it).

“Col 6%, siamo penultimi in Italia – spiegano i consiglieri regionali del Pd Rossi e Valle – “seguiti dalla sola Calabria, in termini di “sole prime dosi somministrate”, mentre siamo primi, col 7,7% in Italia per persone che hanno completato il ciclo vaccinale (fonte: gimbe.org).
Il Piemonte ha perciò spinto molto sulle seconde dosi, completando i cicli vaccinali. Le altre regioni italiane, considerando il fatto che la prima dose di vaccino ha già di per sé un’efficacia immunizzante, hanno scelto invece di ampliare la platea dei protetti, confidando nell’aumento delle dosi in arrivo per completare poi i cicli.

“Chiederemo spiegazioni di questa scelta durante la prossima informativa anche per capire se può essere collegata alle persistenti difficoltà negli ospedali, che continuano a essere intasati (vedi il Mauriziano a Torino ieri) e un numero di ricoverati sempre tra i più alti Italia oramai da inizio pandemia – continuano Rossi e Valle, che aggiungono:

“Altri numeri dimostrano i margini di miglioramento che il Piemonte avrebbe davanti. Su 281.900 dosi di Astrazeneca, solo 139.368, il 49%, sono state somministrate.
Su 104.300 dosi di Moderna, solo 53.688, il 51%, sono state somministrate. Di queste, 12.892 sono seconde dosi. C’è quindi spazio – qualora si intenda per uno scrupolo eccessivo mantenere il 100% delle dosi di scorta necessarie per il richiamo, per effettuarne almeno altre 5.000.
Su 853.840 dosi di Pfizer, sono state inoculate 740.605 dosi, pari all’86%.
Restano gli intoppi organizzativi, spesso dettati dall’ansia da annuncio di questa giunta. I 20.000 vaccinati al giorno raggiunti per la prima volta solo ieri. C’è spazio per fare meglio al di là delle consegne da parte del governo.
Oggi la falsa partenza degli over 60, partita con qualche ora di ritardo come era già accaduto per gli over 70.
Per fortuna è arrivato il dietrofront sulla “panchina” che chiedevamo da mesi per evitare gli sprechi.
Insomma, il presidente Cirio la smetta di dedicarsi agli annunci, ascolti di più e si rimbocchi le maniche: si può fare meglio. E dobbiamo farlo”.

11/04/2021 

Sport

Sonego orgoglio torinese – Vince il torneo Atp Sardegna Open, è il primo italiano (dopo Volandri) a vincere in patria

Il torinese Lorenzo Sonego ha vinto il Sardegna Open, superando nella finalissima finale il campione in […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Scoperta festa abusiva nel centro di Torino – Ragazza sui social insulta la Polizia: multe e una denuncia

Gli agenti del Commissariato Centro sono intervenuti in uno stabile di via Mazzini poiché alcuni residenti […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Orribile strage nel Torinese – Uccide moglie, figlio e coppia di anziani padroni di casa. Poi si spara

Orribile strage nel Torinese. Un pensionato di 83 anni ha ucciso moglie, figlio disabile e una […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Sanità

Covid – Arriva in Italia il vaccino Johnson & Johnson: ecco come funziona

Arriva in Italia il nuovo vaccino monodose Johnson & Johnson. A partire da lunedì 19 aprile […]

leggi tutto...

11/04/2021 

Cronaca

Vaccini in crescita – Il Piemonte primo in Italia per numero di persone che hanno ricevuto 2 dosi

Piemonte: prima regione per completamento del ciclo. Ieri, in un sabato da record che ha visto […]

leggi tutto...

10/04/2021 

Territorio

Covid, infinito tira e molla – Torino torna in zona Arancione da lunedì, si cambia ancora

Si cambia ancora una volta: Torino torna in zona Arancione a partire da lunedì 12 Aprile. […]

leggi tutto...

Si cambia ancora una volta: Torino torna in zona Arancione

made with by dsweb.lab | Privacy Policy