14/09/2023

Territorio

Torino – Dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione al Regio: il grande evento

CONDIVIDI

Torino – Dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione al Regio: il grande evento

Questa inaugurazione di Stagione si configura come un avvenimento storico: un secolo e mezzo dopo l’ultima rappresentazione al Teatro Regio, avvenuta nel 1885 nella versione in lingua italiana, va in scena La Juive (L’ebrea) di Fromental Halévy, su libretto di Eugène Scribe, in un nuovo allestimento del Teatro Regio che trasforma il palcoscenico (utilizzandone anche lo sfondato dorsale) in una imponente cattedrale laica. Per la sua inaugurazione, il Regio colma questo enorme vuoto esecutivo proponendo il grand-opéra per la prima volta a Torino in lingua originale francese. La guida internazionale Musique & Opéra 23-24 la segnala tra le dieci opere da non perdere in questa Stagione.

La Prima è in programma giovedì 21 settembre alle ore 20, cui seguiranno cinque recite fino al 3 ottobre.

Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio sale Daniel Oren, direttore di grande prestigio e appassionato conoscitore della Juive, opera che ha già diretto due volte (Royal Opera House di Londra nel 2006 e Opéra de Paris nel 2011). La nuova e attesissima produzione è di Stefano Poda, regista profondamente legato a Torino, che per il Regio ha creato allestimenti spettacolari (Thaïs, Turandot, Faust) e che, come di consueto, firma regia, coreografia, scene, costumi e luci. Regista collaboratore è Paolo Giani Cei. Protagonisti sono Mariangela Sicilia (Rachel), Gregory Kunde (Éléazar), Riccardo Zanellato (Brogni), Martina Russomanno (Eudoxie), Ioan Hotea (Léopold) e Gordon Bintner (Ruggiero). Il Coro – istruito dal maestro Ulisse Trabacchin – è nella Juive una presenza importante e rappresenta con forza il popolo.
Stefano Lo Russo, Sindaco di Torino e Presidente della Fondazione Teatro Regio afferma: «Con La Juive il Teatro Regio inaugura una nuova stagione caratterizzata da un’offerta artistica di grande qualità, consolidando il percorso che lo sta riportando a essere punto di riferimento nel panorama culturale internazionale. Il cartellone 2023/2024 si apre con la riscoperta di un’opera di grande fascino che torna sulle scene torinesi dopo oltre un secolo e, per la prima volta, in francese. Una storia del passato che tocca temi di grande attualità, come i fenomeni dell’intolleranza religiosa, e che sono certo saprà regalarci ancora una volta grandi emozioni».

18/07/2024 

Territorio

Da Torino a Capo Nord in bici – Parte dalla città della Mole l’impresa in difesa dell’Ambiente

Da Torino a Capo Nord in bici – Parte  l’impresa in difesa dell’Ambiente È partito questa […]

leggi tutto...

18/07/2024 

Territorio

Torino – Importante riconoscimento per De Russis, docente del Politecnico: eletto “Executive Vice-President” di ACM SIGCHI

Torino – Importante riconoscimento per De Russis, docente del Politecnico: eletto “Executive Vice-President” di ACM SIGCHI […]

leggi tutto...

18/07/2024 

Economia

L’INPS spende più di quanto incassa: fra qualche decennio più di 1 italiano su 3 sarà senza pensione – Ecco le soluzioni

L’INPS spende più di quanto incassa: fra qualche decennio più di 1 italiano su 3 sarà […]

leggi tutto...

18/07/2024 

Territorio

Alle porte di Torino torna la “Sagra dell’Agnolotto” – Delizie e versioni “strepitose” del piatto piemontese

Alle porte di Torino torna l’attesa Sagra dell’Agnolotto – Delizie e versioni “strepitose” del nostro piatto […]

leggi tutto...

18/07/2024 

Sport

Leo Borg, figlio della leggenda Bjorn, vince il suo primo match ATP a 20 anni – Seguirà le orme del padre?

Leo Borg, figlio della leggenda Bjorn, vince il suo primo match ATP – Seguirà le orme […]

leggi tutto...

18/07/2024 

Territorio

Tragedia in Piemonte- Bimba di 7 anni scompare nel Bioparco: trovata annegata nel lago

Tragedia n Piemonte- Bambina di 7 anni scompare nel Bioparco: trovata annegata Nel pomeriggio di ieri, […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy