14/09/2023

Territorio

Torino – Dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione al Regio: il grande evento

CONDIVIDI

Torino – Dopo un secolo e mezzo la Juive inaugura stagione al Regio: il grande evento

Questa inaugurazione di Stagione si configura come un avvenimento storico: un secolo e mezzo dopo l’ultima rappresentazione al Teatro Regio, avvenuta nel 1885 nella versione in lingua italiana, va in scena La Juive (L’ebrea) di Fromental Halévy, su libretto di Eugène Scribe, in un nuovo allestimento del Teatro Regio che trasforma il palcoscenico (utilizzandone anche lo sfondato dorsale) in una imponente cattedrale laica. Per la sua inaugurazione, il Regio colma questo enorme vuoto esecutivo proponendo il grand-opéra per la prima volta a Torino in lingua originale francese. La guida internazionale Musique & Opéra 23-24 la segnala tra le dieci opere da non perdere in questa Stagione.

La Prima è in programma giovedì 21 settembre alle ore 20, cui seguiranno cinque recite fino al 3 ottobre.

Sul podio dell’Orchestra e del Coro del Teatro Regio sale Daniel Oren, direttore di grande prestigio e appassionato conoscitore della Juive, opera che ha già diretto due volte (Royal Opera House di Londra nel 2006 e Opéra de Paris nel 2011). La nuova e attesissima produzione è di Stefano Poda, regista profondamente legato a Torino, che per il Regio ha creato allestimenti spettacolari (Thaïs, Turandot, Faust) e che, come di consueto, firma regia, coreografia, scene, costumi e luci. Regista collaboratore è Paolo Giani Cei. Protagonisti sono Mariangela Sicilia (Rachel), Gregory Kunde (Éléazar), Riccardo Zanellato (Brogni), Martina Russomanno (Eudoxie), Ioan Hotea (Léopold) e Gordon Bintner (Ruggiero). Il Coro – istruito dal maestro Ulisse Trabacchin – è nella Juive una presenza importante e rappresenta con forza il popolo.
Stefano Lo Russo, Sindaco di Torino e Presidente della Fondazione Teatro Regio afferma: «Con La Juive il Teatro Regio inaugura una nuova stagione caratterizzata da un’offerta artistica di grande qualità, consolidando il percorso che lo sta riportando a essere punto di riferimento nel panorama culturale internazionale. Il cartellone 2023/2024 si apre con la riscoperta di un’opera di grande fascino che torna sulle scene torinesi dopo oltre un secolo e, per la prima volta, in francese. Una storia del passato che tocca temi di grande attualità, come i fenomeni dell’intolleranza religiosa, e che sono certo saprà regalarci ancora una volta grandi emozioni».

08/12/2023 

Territorio

Torino – Il dramma: a soli 38 anni perde la vita in casa, intossicato dal monossido di carbonio

Torino – Il dramma: a soli 38 anni perde la vita, intossicato dal monossido di carbonio […]

leggi tutto...

07/12/2023 

Territorio

Torino – Scoppia incendio in casa in piazza Baldissera: 3 inquilini all’ospedale, 20 evacuati

Torino – Scoppia incendio in casa in piazza Baldissera: tre inquilini in ospedale Un incendio è […]

leggi tutto...

07/12/2023 

Territorio

Torino – Importante restauro per la chiesa della Gran Madre, uno dei simboli della città. Il progetto

Torino – Importante restauro per la chiesa della Gran Madre, uno dei simboli della città. Il […]

leggi tutto...

07/12/2023 

Territorio

In Piemonte Immacolata con la neve. Le previsioni a Torino

In Piemonte Immacolata con la neve. Le previsioni a Torino Il Nordovest si prepara ad un […]

leggi tutto...

07/12/2023 

Territorio

A Torino la moda vintage si vende ‘al chilo’ – Torna il super “Mercatino vintage”, prodotti da tutta Europa INFO

A Torino la moda vintage si vende ‘al chilo’ – Torna il super “Mercatino vintage” INFO […]

leggi tutto...

07/12/2023 

Cronaca

Torino – Brumotti di Striscia ancora aggredito in città. Assalito dai pusher con sassi e bottiglie a Torino

Torino – Brumotti di Striscia ancora aggredito in città. Assalito dai pusher con sassi e bottiglie […]

leggi tutto...
Privacy Policy Cookie Policy